Il libro della settimana
Il libro della settimana
 

Il segreto di Nadia B. di Sergio Campailla (Marsilio, 2010)

Scrittore elegante e avvicente allo stesso tempo, Sergio Campailla parte da un ricordo personale per ricostruire, con fedeltà storica seppure nella forma di romanzo, la vita di Nadia Baraden. E avverte con delicatezza di essersi deciso a indagare e narrare la vicenda oggi che, decantata dal clamore e dalla morbosità della cronaca, è divenuta storia. Poco più che ragazzo, l'Autore assiste infatti al trasloco delle carte di Carlo Michelstaedter, destinate alla Biblioteca Civica di Gorizia, effettuato dal nipote del filosofo: il quale dichiara di voler distruggere alcuni fogli.  Si tratta di due lettere di Nadia Baraden all''amico filosofo: nella seconda gli annucia il suicidio e gli rivela il dramma segreto che le ha distrutto l'esistenza.
Campailla, già curatore dell'epistolario di Michelstaedter, nonché autore dell'antologia di scritti "La melodia del giovane divino" appena uscita da Adelphi, cerca e scandaglia fonti dell'epoca tanto italiane che russe, e ricostruisce l'identità di Nadia B.: una terrorista russa condannata alla Siberia e salvata con l'esilio, giunta a Firenze dove studia alle Belle Arti e dove incontra Michelstaedter, che si innamora di lei. 
L'11 aprile 1907 Nadia si spara in Piazza Vittorio Emanuele II a Firenze, oggi Piazza della Repubblica. Il 17 ottobre di tre anni dopo anche Michelstaedter si toglie la vita con la pistola lasciatagli in custodia da un amico. Campailla riannoda i fili  e compone un racconto ricco di sorprese.



   ...e di quelle precedenti


 Indietro
Stampa
 
Realizzazione siti Web Service